IL PROGETTO TRAIN…TO BE COOL ARRIVA AL LICEO SCIENTIFICO-ITE DI MIRTO

IL PROGETTO  TRAIN…TO BE COOL  ARRIVA AL LICEO SCIENTIFICO-ITE DI MIRTO PROGRAMMATO DAI PROFF.CATERINA URSO E GIANFRANCO MANNA IN COLLABORAZIONE CON L’UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI ROMA “SAPIENZA” E LA POLIZIA FERROVIARIA

L’evento si è svolto in questi giorni  presso la sede del Liceo Scientifico-ITE di Mirto, programmato nel PTOIMG-20181222-WA0024 2F ed autorizzato dal Dirigente Scolastico Franco Murano. Ideato dalla Polizia Ferroviaria-Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno con la collaborazione del MIUR e dell’Università egli Studi di Roma "Sapienza", Dipartimento di Psicologia.
“Siate prudenti ed amatevi", queste le parole iniziali dell’Assistente Capo Giuseppe Pane della Polizia Ferroviaria, che rivolgendosi a tutti i ragazzi del biennio, elogia la scuola e i docenti che hanno  curato questo Progetto di educazione alla legalità, importante per fare capire che la Stazione Ferroviaria è un mondo a sé fatto di binari, passaggio a livello, cavi elettrici ad alta tensione,ladri, con rischi di ogni genere dove ogni giorno si muovono  un milione e mezzo di persone e dove solo in Italia, nell’arco di un anno muoiono circa sessanta persone, in prevalenza ragazzi.

 

Un ragazzo che perde la vita, la perde per sé stesso e per la società, perché i giovani sono il futuro e devono saper rilegare il libro della loro vita, adoperandosi per proteggerla sempre. Il vuoto della loro anima, i ragazzi non possono pensare di colmarlo con la musica ad alto volume che non fa sentire il fischio dell’arrivo del treno nelle stazioni, né è prudente il comportamento di alcune persone, che per non attendere due ore il nuovo treno rincorrono quello che stanno perdendo ed a causa di questo imprudentemente attraversano i binari rischiando di perderci la vita in cinque minuti. Lanciate la corda ai vostri compagni naufraghi che compiono il gesto di buttare oggetti dal finestrino che possono procurare danni per l’effetto l’aria. Essi agiscono senza movente razionale ed emotivo perché l’alfa e l’omega della comunicazione  purtroppo oggi è diventato il telefonino. Infatti,tra i ragazzi  il pensiero non è più il regolatore dei sentimenti, la tecnologia gli propone modelli e li rende giovani e vecchi nel contempo,  riduce le distanze, interviene sui sentimenti proprio mentre imprigiona le loro idee e confonde le prospettive.In questo contesto di distrazioni  si verificano purtroppo gli incidenti ferroviari, da ciò il gioco Pokemon che ha fatto molte vittime adolescenti sui binari. Cominciate a pensare  cari studenti e studentesse! Leggete Platone, Aristotele, Hegel, Heidegger, Seneca, e quant’altro possa attivare la vostra concentrazione. IMG-20181222-WA0004
Rilevante, durante tutta la lezione, si è dimostrato l’interesse degli alunni  che hanno compilato in forma volontaria delle schede di valutazione distribuite dall’Ispettore Ferroviario Attilio Martino, per essere poi inoltrate all’Università degli Studi di Roma "La Sapienza", Dipartimento di Psicologia, che condivide e collabora con la Polfer il Progetto al fine di  prevenire gli incidenti ferroviari, e valutare le capacità di concentrazione di coloro che utilizzano le stazioni.  Tutti devono sapere che anche un’ improvvisa alluvione può determinare la non chiusura di un passaggio a livello, ed in tale circostanza attraversare i binari  significa sfidare la morte. Significative sono state anche le testimonianze proiettate  dagli Ispettori della Polfer per evidenziare tramite cartoni animati, slides, videoregistrazioni nelle stazione di diverse città, i pericoli nelle stazioni e  per valutare la capacità di concentrazione dei ragazzi. Nel corso del dibattito sono intervenuti  il Prof.Gianfranco Manna ,Funzione strumentale e Responsabile del Plesso  e la docente referente del Progetto  Prof. Caterina Urso che hanno ringraziato la Polizia Ferroviaria per aver risposto alla richiesta del  Liceo Scientifico e Ite  di fare una cosi’ importante lezione ,proprio nella cittadina di Mirto che e’ attraversata dai binari ferroviari .A Mirto  si rende sicuramente necessaria ed urgente una razionalizzazione delle infrastrutture  ferroviarie pericolose per i pedoni  ,perche’ nel cuore della cittadina insiste  la stazione ferroviaria che  pur costituendo un punto di collegamento  importante con gli altri centri urbani e quindi per  molti giovani,si presenta pericolosa; infatti e’ diventata un punto d’incontro  per i ragazzi di ogni età ,dove i rischi sono tanti perche’ non protetta sia dal punto di vista ambientale  che ferroviario. In tale contesto e’ importante il ruolo dei ragazzi formati con tale azione di educazione alla legalita  che  sono stati responsabilizzati   a frequentare la stazione ferroviaria con maggiore consapevolezza dei rischi e con l’impegno di farsi promotori della sicurezza.

 

amministrazione trasparente

iscrizioni 18-19

ciak

press-room

Osservatorio astronomico Galileo Galilei

osservatorio-astronomico

Laboratorio per lo studio dei Raggi Cosmici EEE Cariati

Cari-EEE

Il Liceo Scientifico di Cariati
partecipa ai seguenti progetti
nazionali e internazionali

eee

 ada

Calendario eventi

Marzo 2019
L M M G V S D
25 26 27 28 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Ultimi eventi

Nessun evento

Portali scolastici

ministero istruzione

ufficio-scol-cal

scuola-chiaro

sidi

Pon 2014-20

pon in chiaro

indire

Questo sito utilizza cookie di tipo tecnico, per cui le informazioni raccolte non saranno utilizzate per finalità commerciali nè comunicate a terze parti. Per approfondimenti visualizza la nostra cookie policy

Nascondi questo messaggio
Cookie Policy