L'ITE DI MIRTO IN VIAGGIO D'ISTRUZIONE IN SICILIA

Gli alunni dell’ISTITUTO TECNICO ECONOMICO e del LICEO SCIENTIFICO di Mirto-Crosia, in viaggio d’istruzione attraverso le citta’ della Sicilia Orientale: Taormina, Siracusa, Catania e Messina.

A partecipare all’iniziativa, organizzata dalla Prof.ssa Serafina Benevento (F.S Area 3)  ed autorizzata dalla Dirigente Scolastica Dott.ssa Ornella Campana, sono stati 50 alunni dell’Istituto Tecnico Economico e  del Liceo Scientifico di Mirto che, accompagnati dai docenti S. Benevento, Caterina Urso, Salvatore Brasacchio, Raffaella Aiello, Maurizio Traversari e Anna Pingitore, nei giorni 26-27-28 aprile, hanno avuto la possibilità di ammirare una parte della Sicilia ove, le bellezze naturali e paesaggistiche si intrecciano con quelle architettoniche ed artistiche, prodotte dalle numerose civiltà che si sono susseguite sull’isola, nel corso dei secoli. 32253526 10211449092211018 6453244072260796416 nPartiti da Mirto, a bordo di pullmann,  dopo la traghettata dello Stretto di Messina  (esperienza nuova ed affascinante per molti degli alunni!), siamo giunti a Taormina in tarda mattinata e la cittadina  ci ha subito incantato. Taormina, infatti, è uno dei più famosi centri turistici della Sicilia, grazie ad  una vista sul mare incantevole e a molti edifici artistici che testimoniano la presenza di varie civiltà. Ad attenderci una preparatissima guida che ci ha condotto attraverso i punti più significativi. La visita è iniziata dal Teatro Romano Odeon, per portarci poi presso il Teatro Greco che rappresenta, senza dubbio, l’elemento di attrazione turistica più significativo di Taormina, non solo per le sue antiche origini, ma anche per la splendida ubicazione, il panorama che si gode da esso è uno dei più belli che si conoscano. 

 

Di particolare interesse artistico-culturale è stata poi la vista del Palazzo Corvaia: un edificio del xv secolo, sede del primo parlamento siciliano. Successivamente siamo giunti nella suggestiva Piazza Municipio dove si trova il Duomo di S. Nicola, infine ci siamo immersi nella via principale di Taormina, nel frequentatissimo Corso Umberto e percorrendolo ci siamo  ritrovati sulla straordinaria Piazza 9 Aprile, detta il “belvedere”, dalla quale è stato  possibile ammirare una vista mozzafiato, da essa infatti si scorge l’incantevole golfo con l’isola bella e i frastagliati faraglioni con la famosa grotta azzurra.32244246 10211449091651004 3272196528961224704 n
In serata siamo giunti  presso l’Hotel Club Helios, situato nella Marina di Noto (SI),  presso il quale per due notti abbiamo pernottato.
Durante la seconda giornata è stata effettuata la visita della meravigliosa città di Siracusa, dichiarata patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.
La città ha origini molto antiche, è stata fondata nel 734 a.C. dai Corinzi ed è stata considerata la più grande città Greca dell’antichità, al pari di Atene. Un vero e proprio centro culturale, che ha dato i natali a grandi personaggi, come lo scienzato Archimede.
La visita della città, per volere della guida, anche qui prevista,  ha avuto inizio dal  Parco Archeologico. All’interno di esso sono conservati i resti dei più celebri monumenti della città antica. L’Ara di Ierone II  che è il più imponente altare per i sacrifici di epoca greca esistente oggi. Di fronte è situato il famosissimo teatro greco ai piedi del quale è situata la Latomia del Paradiso. Le latomie erano antichissime cave di pietra dalle quali, sin dai tempi greci, si traeva il calcare necessario alla costruzione degli edifici. Le latomie più famose sono quella dei Cordari e l’Orecchio di Dionisio: una grande fessura nella roccia la cui forma ricorda il condotto uditivo dell’orecchio umano e ha una straordinaria acustica che, secondo una legenda, permetteva a Dionisio I di ascoltare i lamenti e i discorsi dei suoi prigionieri catturati nei combattimenti. Di particolare interesse è stata la vista del Teatro Greco che, con la sua struttura tipicamente semicircolare, è uno tra i più importanti teatri sopravvissuti dell’antichità ed è il più grande della Sicilia, oggi il teatro viene utilizzato per rappresentazioni classiche, infatti erano in corso i lavori di preparazione per la stagione teatrale estiva. Sovrastante il teatro greco, al centro della terrazza calcarea è scavata in una grotta artificiale la cosiddetta Grotta del Ninfeo con un grande bacino dove sboccano le acque di una piccola cascata, alimentata tutt’ora da un ramo dell’acquedotto greco. Nei pressi dell’Ara di Ierone II si trova anche l’Anfiteatro Romano. Terminata la visita del parco archeologico, a bordo del pullman ed accompagnati dalla guida, abbiamo raggiunto l’Isola di Ortigia. Essa, collegata alla terraferma da 3 porti, rappresenta il vero centro storico di Siracusa, la parte più antica e più suggestiva.
A metà del ponte Umbertino si trova la statua di Archimede, realizzata nel 2016, che rende omaggio ad uno dei più grandi scienzati della storia. Superato il ponte siamo arrivati alla Piazza Pancali dove si trova, il tempio di Apollo, ovvero il tempio dorico più antico di tutta la Sicilia. Proseguendo per via Matteotti siamo arrivati alla Fontana di Diana e poi alla spendida Piazza Duomo: “il vero cuore di Siracusa”.32247211 10211449093931061 5931451244248825856 nLa caratteristica principale della piazza è la luce che si riflette sulle pareti chiare degli edifici e sull’asfalto bianco. Su tutti troneggia il Duomo, costruito sui resti dell’antico Tempio di Athena, capolavoro di arte tardo barocca. Altra chiesa di grande importanza è quella di Santa Lucia alla Badia, al cui interno è custodito il quadro di Caravaggio “il seppellimento di Santa Lucia”.
Imboccando la strada accanto alla chiesa di  Santa Lucia siamo giunti sulla punta più estrema dell’isola, dove abbiamo potuto ammirare la Fontana Aretusa, uno specchio di acqua dolce che si affaccia sul mare. Fantastica è stata, poi, la passeggiata sul lungomare. Qui i colori del mare, del cielo e delle facciate delle case  ci hanno dato l’impressione di essere stati catapultati dentro una cartolina.
Il terzo giorno  è stato dedicato alla visita di Catania che si presenta come una città ingioiellata di  nobili palazzi, anche qui ad accompagnarci una  guida che ci ha condotti per il centro della città, costituito da Piazza Duomo, ricca di palazzi barocchi, la splendida fontana e naturalmente nel Duomo. Al centro di Piazza Duomo si eleva la fontana dell’Elefante, simbolo di Catania, realizzata dal Vaccarini, con obelisco egizio sovrapposto ad un elefante in pietra lavica. In Piazza Dante si trova la chiesa di San Nicolò, la più grande chiesa di tutta la Sicilia. Da qui seguendo la via Etnea siamo giunti in Via Bellini ove si trova un giardino pubblico ricco di piante esotiche. Terminata la  visita della città, ci siamo  apprestati ad affrontare il  viaggio di rientro, ma non senza effettuare una sosta nella cuore della città di Messina, ove abbiamo potuto ammirare la grande piazza  Duomo dove si trova la cinquecentesca Fontana di Orione  e l’imponente  Duomo.
Accanto al Duomo si erge il moderno Campanile, arricchito da statue d’oro che si mettono in moto a mezzogiorno e ricordano episodi storici e religiosi della città di Messina. Qui dopo aver  assaggiato i cannoli  e gli arancini siciliani,specialità tipiche dell’isola, ci siamo accinti a fare rientro a casa carichi, oltre che dei sapori e dei colori della Sicilia, della bella esperienza vissuta nel corso dei tre giorni di viaggio.
Complice un tempo decisamente primaverile e piacevole, i ragazzi hanno avuto l’opportunità di godere appieno l’iniziativa messa in atto. Essi hanno avuto occasioni per divertirsi, socializzare e conoscere opere e luoghi che difficilmente avrebbero potuto ammmirare. Molto soddisfatta la Dirigente che, crede molto nel valore dei viaggi d’istruzione, in quanto consentono agli allievi di acquisire una maggiore apertura mentale ed una preparazione  più concreta, oltre che opportunità  di incontri, di conoscenze e di arricchimento personale.

Prof.ssa SERAFINA BENEVENTO

 

amministrazione trasparente

iscrizioni 18-19

ciak

press-room

Osservatorio astronomico Galileo Galilei

osservatorio-astronomico

Laboratorio per lo studio dei Raggi Cosmici EEE Cariati

Cari-EEE

Il Liceo Scientifico di Cariati
partecipa ai seguenti progetti
nazionali e internazionali

eee

 ada

Calendario eventi

Agosto 2018
L M M G V S D
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2

Ultimi eventi

Nessun evento

Portali scolastici

ministero istruzione

ufficio-scol-cal

scuola-chiaro

sidi

Pon 2014-20

pon in chiaro

indire

Questo sito utilizza cookie di tipo tecnico, per cui le informazioni raccolte non saranno utilizzate per finalità commerciali nè comunicate a terze parti. Per approfondimenti visualizza la nostra cookie policy

Nascondi questo messaggio
Cookie Policy